Teatri Possibili

Teatri Possibili
Commenti disabilitati su Teatri Possibili, 24/03/2014, by , in Kairós, Teatro, Teatro di Prosa

Teatri Possibili, una delle maggiori scuole di teatro in Italia, mette in scena una rassegna di tre spettacoli al Teatro Libero di Milano.

Il sipario si apre sabato 15 marzo con lo spettacolo Ho alcuni vostri ricordi che desideravo restituirvi, in cui si affronta la vicenda shakespeariana di Amleto e Ofelia. Non si tratta di una tradizionale messa in scena del dramma, ma si viene catapultati in un mondo costituito da memorie, riflessioni che vogliono trasmettere a chi guarda, l’emozione di una ricerca, un percorso. E’ un’analisi emotiva del capolavoro di Shakespeare.

La seconda proposta è Le voci del male, una rappresentazione dai toni dark che affronta il tema dell’omicidio. Si tratta di storie di assassini, storie crude ed agghiaccianti. Juliette Hulme è l’autrice de Le voci del male, un romanzo ancora in corso d’opera. Juliette che, da ragazzina, insieme all’amica Pauline, ha ucciso la madre di lei, sente queste “voci”, messaggi di assassini che tormentano i suoi sogni.

Ci si imbatte in tante storie, racconti di personaggi realmente esistiti. Tra questi, si incontra la contessa Bathory, che verso la fine del ‘500 uccise più di seicento fanciulle per mantenersi giovane con il loro sangue, ed ancora, Florence Maybrick, l’avvelenatrice inglese, Leonarda Cianciulli, detta anche la Sopificatrice di Correggio, perché creava del sapone con il corpo delle sue vittime.

Personaggi tanto differenti che hanno come denominatore comune l’omicidio. E come assassini sono condannati in un limbo perenne.

Ultimo, ma non da meno, è il divertente spettacolo La cerimonia del massaggio, tratto dall’omonimo romanzo di Alan Bennett. Protagonista è il cadavere di un noto massaggiatore, Clive. Durante il suo funerale, si riuniscono tanti e diversi personaggi che hanno in comune il fatto di essere stati tutti “massaggiati” da Clive.

Nel corso della commemorazione, gli astanti esprimono parole di apprezzamento per il giovane defunto, che sfociano poi in dettagli piccanti. Si scopre durante lo spettacolo che il caro Clive, era soprattutto uno “stallone” che offriva il piacere di un’avventura sessuale a uomini e donne.

Teatri Possibili ci ha deliziato con tre spettacoli interessanti, performance variegate, profondamente differenti l’una dall’altra, che diventano una vetrina per questi allievi sorprendenti.

Per maggiori informazioni: Teatri Possibili

La rassegna è andata in scena dal 15 al 20 Marzo 2014 al Teatro Libero di Milano.

Crediti dello spettacolo “Una Produzione Teatri Possibili | Teatro Libero | Progetto e Regia (in ordine di spettacolo): Paolo Giorgio ed Emanuela Ferlito; Monica Faggiani e Paola Giacometti; Marisa Militello”

More texts of “Lidia Crisafulli”More photo of “Lidia Crisafulli”

About Lidia Crisafulli

Lidia Crisafulli, classe ’91, armata solo di una primitiva reflex e tanta voglia di imparare, riesce a salpare dalla sua città natale, Catania, poco produttiva dal punto di vista fotografico, approdando ai porti (immaginari!) di Milano, per unirsi all’Istituto Italiano di Fotografia. Qui ha la possibilità di approfondire le sue conoscenze fotografiche, variando dalla fotografia di reportage alla fotografia in studio. Dopo il diploma, decide di entrare nel mondo dello spettacolo (naturalmente dietro l'obiettivo!) ed entra a far parte dell'Accademia del Teatro alla Scala. Fotografa attori, musicisti, spettacoli, concerti. Attualmente è attiva soprattutto nel campo della fotografia di scena e nel reportage.
UA-30266169-1 Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.