Rigoletto

Rigoletto
Commenti disabilitati su Rigoletto, 26/10/2015, by , in Kairós, Opera, Teatro Musicale

Un Rigoletto colorato, avvincente e di grande effetto è andato in scena al Teatro Giuseppe Verdi di Busseto con regia di Alessio Pizzech che ha saputo mettere in luce il grande e fresco talento dei suoi interpreti, artisti del 53° Concorso Internazionale Voci Verdiane “Città di Busseto” in collaborazione con la Scuola dell’Opera del Teatro Comunale di Bologna per il Festival Verdi 2015.

Rigoletto, una storia di passione, tradimento, amore filiale e vendetta, che rivela nel profondo i più intimi tratti dell’animo umano, è andato in scena per la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia nel 1851. Verdi, nell’aprile del 1850, viene chiamato dal segretario della Fenice Guglielmo Brenna che gli propone di musicare un’opera nuova quattro anni dopo il debutto di Attila a Venezia.

Verdi propone come librettista Piave ed insieme trovano come soggetto ideale il dramma di Victor Hugo, “Le roi s’amuse”, che già aveva pensato di affidare a Cammarano per un’opera da scrivere per il Teatro San Carlo di Napoli dopo Luisa Miller, ma che non si fece a causa dei rapporti guastati tra il compositore e l’impresa teatrale di Vincenzo Flaùto.

Verdi affida a Ricordi il compito di individuare un soggetto su cui lavorare per poi cercare di rappresentarlo in qualche teatro italiano. Spontaneamente si materializza La Fenice, anche se Verdi era consapevole che la censura veneziana avrebbe potuto sollevare qualche obiezione.

Evento che si verifica puntualmente dopo il debutto trionfale e le ventuno repliche successive alla Fenice di Rigoletto, che lascia spiazzata la critica musicale del tempo di fronte alle novità musicali e teatrali che nell’opera vengono proposte.

Rigoletto rimane comunque uno dei lavori più rappresentati del Maestro che con la sua abile ed elegante capacità di scandagliare i sentimenti umani e di dar loro vita ed azione sul palcoscenico, riesce a conquistarsi il consenso del pubblico nei secoli a seguire.

Continuando il suo omaggio alla Triologia Popolare verdiana, Alessio Pizzech mette in scena con successo, un Rigoletto dal taglio cinematografico che inizia con lo scostamento del sipario da parte di due maschere, che animano con grande enfasi poi altri momenti della rappresentazione.

Plauso ai giovani protagonisti che sul palco dello storico Teatro di Busseto, con le loro limpide voci, hanno saputo dar vita al Ducato di Mantova e al triste dramma di Rigoletto emozionando il pubblico presente in sala che li ha applauditi con grande entusiasmo.

Lo spettacolo è in scena dal 10 al 29 Ottobre 2015 presso il Teatro Giuseppe Verdi di Busseto per il Festival Verdi 2015.

Melodramma in tre atti su libretto di FRANCESCO MARIA PIAVE dal dramma Le roi s’amuse di Victor Hugo | Musica GIUSEPPE VERDI | Interpreti ARTISTI DEL 53° CONCORSO INTERNAZIONALE VOCI VERDIANE “CITTÀ DI BUSSETO” | In collaborazione con SCUOLA DELL’OPERA DEL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA | Personaggi – Interpreti: Il Duca – CARLOS CARDOSO, PIETRO PICONE (21), Rigoletto – HAYATO KAMIE (10, 18, 21), DONGYONG HOH (15, 24, 29), Gilda – DANIELA CAPPIELLO (10, 18, 21), MARIA BAGALÁ (15, 24, 29), Sparafucile – MYEONGJUN SHIN, Maddalena – SIQI LI, Giovanna  – DA MI LEE, Conte di Monterone –  ELYAR TAHOURI, Marullo – MICHELE PATTI, Matteo Borsa – MANUEL AMATI, Conte di Ceprano – NICOLÒ DONINI, Contessa di Ceprano –  MARIANNA MENNITTI, Un paggio – MARIANNA MENNITTI | Maestro concertatore e direttore FABRIZIO CASSI | Regia ALESSIO PIZZECH | Scene e costumi DAVIDE AMADEI | Luci CLAUDIO SCHMID | Maestro del coro MARTINO FAGGIANI | ORCHESTRA DEL CONSERVATORIO DI MUSICA “ARRIGO BOITO” DI PARMA | CORO DEL TEATRO REGIO DI PARMA | Coproduzione Teatro Regio di Parma, Teatro Comunale di Bologna

About Alessia Santambrogio

Nasce a Monza nel 1981. Da sempre amante delle immagini e della musica, dopo gli studi liceali classici ed universitari scientifici in campo biotecnologico, si dedica totalmente alla fotografia. Gli esordi sono legati ad esperienze di reportage a Parigi, cui segue un crescente impegno nella realizzazione di servizi dedicati a food, eventi e cerimonie. Lo stile giornalistico rimane la principale caratteristica delle immagini di Alessia, che realizza esposizioni presso le librerie Feltrinelli, pubblicazioni su quotidiani nazionali (Corriere della Sera, Repubblica) e su riviste specializzate (Espresso Food And Wine, Domus). Forte dell’esperienza acquisita e, soprattutto, motivata della grande passione per l’opera lirica ed il balletto, Alessia supera le selezioni all’Accademia Teatro alla Scala di Milano e consegue il diploma in Fotografia di Scena. Raccontare lo spettacolo nel suo insieme senza trascurarne i dettagli, narrare una storia ed il suo contesto descrivendo la pienezza della scena, trasmettere le emozioni dei personaggi ed il disegno armonico che li lega è alla base dell’incessante ricerca dell’equilibrio tra il tutto e le sue parti che caratterizza il suo stile narrativo.
UA-30266169-1 Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: