Ravenna Festival 2013 – Trilogia d’Autunno: Verdi & Shakespeare

Ravenna Festival 2013 – Trilogia d’Autunno: Verdi & Shakespeare
Commenti disabilitati su Ravenna Festival 2013 – Trilogia d’Autunno: Verdi & Shakespeare, 08/11/2013, by , in Kairós, Opera, Teatro, Teatro Musicale

[una produzione Ravenna Festival | Teatro Dante Alighieri | Direttore Nicola Paszkowski | Regia e Ideazione scenica Cristina Mazzavillani Muti | Light design Vincent Longuemare |  Set design Ezio Antonelli | Costumi Alessandro Lai  |  Visual design Davide Broccoli, Sara Caliumi | Movimenti coreografici Catherine Pantigny | Orchestra Giovanile Luigi Cherubini Coro del Teatro Municipale di Piacenza maestro del coro Corrado Casati]

La XXIV edizione del Ravenna Festival, quest’anno, decide di concludersi con un omaggio a Giuseppe Verdi e William Shakespeare con una Trilogia d’Autunno che porta sul palco del Teatro Dante Alighieri i tre grandi capolavori nei quali il genio teatrale del musicista italiano viene esaltato dall’incontro con le opere del più grande drammaturgo della storia: Macbeth (8, 12 e 15 Novembre), Otello (9, 13 e 16 Novembre) e Falstaff (10, 14 e 17 Novembre). Una squadra già consolidata, che vede Vincent Longuemare come light designer, Ezio Antonelli per le scene, Alessandro Lai per i costumi e lo Studio Visual Technology per l’elaborazione delle immagini, è coordinata da Cristina Mazzavillani Muti, che segue la regia e l’ideazione scenica delle tre opere, coinvolgendo giovani cantanti, molti di loro già affermatissimi e lanciati proprio dal Festival, che affronta questa nuova sfida. In buca l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini diretta da Nicola Paszkowski.  Una Trilogia fatta dai giovani e per i giovani che viene documentata giornalmente dai ragazzi del progetto VerdiWeb, arrivato alla sua seconda edizione: un team di fotografi, video maker e scrittori che, in autonomia, raccontano il Festival secondo la loro visione. Questo progetto si sviluppa in due fasi: nella prima, gli autori potranno caricare, autonomamente e senza alcun filtro preventivo, i contributi giornalieri frutto della partecipazione alle prove, mentre nella seconda realizzeranno un lavoro a conclusione dell’esperienza. Il progetto è coordinato da Franco Masotti (co-direttore artistico di Ravenna festival) ed i ragazzi potranno confrontarsi con nomi illustri che hanno fatto grande il teatro: Silvia Lelli per la fotografia, Alessandro Renda per il video e Nevio Galeati per la scrittura. Un’atmosfera magica apre  la Trilogia d’Autunno, Macbeth è la prima delle opera ad andare in scena. Un thriller psicologico dove la sete di potere e il tradimento ne fanno da padrone: la scenografia è minimale, nero puro e cubi di diverse altezze coprono lo spazio scenico. Lo spettacolo viene scritto da una luce caravaggesca: forte, diretta e di taglio che definisce i personaggi nel loro essere e ne estrapola anche le più intime paure e drammi esistenziali. Macbeth è un condottiero scozzese in ritorno dalla battaglia insieme all’amico Banco, nel percorso incontra le streghe che gli rivelano una profezia: diventerà il futuro sire di Glamis, di Caudor e re di Scozia, Banco, invece, sarà il padre di un re. La seconda opera ad andare in scena è Otello. Il sipario si apre ed un lampo squarcia il palcoscenico, una tempesta è in atto sulle coste dell’isola di Cipro; i veneziani tornano vittoriosi dalla spedizione oltre mare, i turchi sono stati sconfitti e la città è in festa: la gente si riversa per strada, balla, canta e si scambia amore. Il tutto si svolge in un grande ambiente nero, buio e scuro, la luce che introduce la scena è di colore rosso sangue, forte e tagliente come una lama sui volti dei personaggi, è un presagio. Tutto è già stato scritto fin dall’inizio. Ultima opera in scena al Teatro Dante Alighieri di Ravenna, e anche l’ultima in ordine cronologico scritta da Giuseppe Verdi prima di morire, un melodramma ironico, una parodia della società ottocentesca. Tratto da “Le allegre comari di Windsor” di Shakespeare e scritto a due mani con Arrigo Boito, Falstaff è un lord inglese che tenta di corteggiare due gentildonne appartenenti alla borghesia per riempire il suo borsellino ormai vuoto.

 Per ulteriori informazioni: www.ravennafestival.org e www.verdiweb.it

In scena presso il teatro Dante Alighieri di Ravenna dal 8 al 17 Novembre 2013 

Articolo e fotografie a cura di: Anna Agliardi

About Anna Agliardi

Anna Agliardi nasce a Romano di Lombardia il 6 Marzo 1989. L’interesse per la fotografia arriva grazie al padre che la porta con se durante gli incontri in un circolo fotografico della zona all’età di quattro anni. Frequenta il Liceo Artistico Statale di Bergamo dove inizia il suo interesse per l’arte d i primi esperimenti con la macchina fotografica e la grafica. Nel 2012 si diploma a pieni voti presso la L.A.B.A. Libera Accademia di Belle Arti a Brescia dove frequenta il triennio di fotografia. Successivamente si iscrive all’ Accademia del Teatro alla Scala per frequentare il corso di fotografia di scena, raggiungendo in questo modo un punto di incontro tra sue passioni il teatro, la danza e la fotografia.
UA-30266169-1 Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: