Luciana Savignano in Luminare Minus e Funambolia

Luciana Savignano in Luminare Minus e Funambolia

Il Teatro Gerolamo di Milano, aperto di nuovo al pubblico dopo un accurato progetto di restauro, ha inaugurato la stagione dedicata alla danza con la splendida étoile Luciana Savignano, protagonista di un duplice spettacolo, composto da un estratto di Luminare Minus e dalla nuova creazione Funambolia, su coreografie di Emanuela Tagliavia.

Luminare Minus è nato da un’idea di Mauro Bonazzoli, il quale ha tratto l’ispirazione da un frammento lunare della collezione del Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia. 
Allestito per l’edizione 2007 del Festival Mi-To, Luminare Minus nella prima versione vedeva già la partecipazione straordinaria di Luciana Savignano, accompagnata sulla scena dagli allievi della Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala.

L’osservazione della materia lunare e la percezione delle fasi lunari, oggetto di studi scientifici, lasciano progressivamente spazio alla presenza magica del mito, ove alla splendente Selene e ai suoi amori, si alterna il volto umbratile della luna, il regno di Ecate.
 La circolarità, che rispecchia il movimento perenne della luna, è al centro della coreografia, dove l’assenza dell’attrazione gravitazionale si rivela nella ricerca della sospensione evocativa dei movimenti.

Grazie alla musica di Giampaolo Testoni sembra di poter immaginare il suono della luna che attraversa la materia e ne viene restituito con valenze nuove ed enigmatiche.

La forza dello spettacolo risiede nel perfetto equilibrio che si instaura tra le arti, danza e musica, e i contenuti tecnologici, quali le videoproiezioni, in grado di creare un unicum originale ed emotivamente coinvolgente.

La novità coreografica dello spettacolo Funambolia trae la sua ispirazione da molteplici riferimenti tematici mirabilmente coesistenti nello sviluppo narrativo. 
In primis la collaborazione empatica tra Luciana Savignano, Emanuela Tagliavia e il gruppo dei danzatori crea una singolare famiglia in cui l’arte vive in una dimensione senza tempo. A seguire è presente il riferimento letterario al racconto di Maxence Fermine dove la protagonista è una donna dalla pelle bianca come la neve e “leggera come un uccello”, sempre in equilibrio su una fune. Infine Funambolia cita Philippe Petit e il suo Trattato sul funambolismo, la fune, con la sua ragnatela di significati, diventa metafora della ricerca continua di equilibrio e leggerezza, che gli interpreti esprimono con eleganza raffinata e delicata poesia.

In scena dal 24 al 26 Marzo 2017 presso il Teatro Gerolamo di Milano.
[Luminare minus. Ideazione e regia: Mauro Bonazzoli | Coreografia: Emanuela Tagliavia | Musica: Giampaolo Testoni | Video: Davide Montagna, Giuseppe De Angelis | Costumi: Lou Antinori (I costumi di Luciana Savignano sono ideati e realizzati dall’atelier di Federico Sangalli, Milano. I costumi storici sono della Sartoria Brancato.) | Lightdesigner: Andrea Giretti | Ballerini: Luciana Savignano, Luigi Boatti, Liber Dorizzi, Giulia Lunardi, Filippo Porro, Karina Samoylenko, Eva Stokic, Emanuela Tagliavia. |Funambolia. Coreografia: Emanuela Tagliavia | Musiche di Autori Vari a cura di Giampaolo Testoni | Costumi: MauroCarlo]

 

About Giulia Di Vitantonio

Nata a Jesi (AN) il 18 Novembre 1991, si lega alla fotografia fin da bambina. Consegue la Laurea in Progettazione Artistica per l’Impresa, indirizzo Fotografia, presso la LABA di Rimini. Dopo aver sondato diversi ambiti legati a questa disciplina e al video, la passione per il teatro e per la musica portano Giulia a frequentare il corso per Fotografi di Scena all’Accademia del Teatro alla Scala, terminato nel 2016. Durante gli anni ha sviluppato numerosi progetti fotografici e video, lavorando individualmente o in team, sempre in costante ricerca di equilibrio e armonia
UA-30266169-1 Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: