La Trilogia dell’Attesa

La Trilogia dell’Attesa
Commenti disabilitati su La Trilogia dell’Attesa, 26/01/2015, by , in Kairós, Teatro, Teatro di Prosa

Dal 27 gennaio al 1 febbraio andrà nuovamente in scena al Teatro Vascello di Roma La Trilogia dell’Attesa della regista Fabiana Iacozzilli, polittico presentato dalla compagnia Lafabbrica in versione completa presso il Piccolo Teatro Studio Melato di Milano nel maggio 2014 (rappresentazione cui si riferiscono le foto).

Lafabbrica è una compagnia romana di sole donne i cui spettacoli sono il risultato di un periodo di sperimentazione laboratoriale in cui la regista e gli attori compongono collettivamente una drammaturgia scenica. Per due ore e venti nella Trilogia si susseguono immagini amare, divertenti e toccanti.

La messa in scena è precisa, l’interpretazione curata nel dettaglio e si percepisce un lungo lavoro dietro, tant’è che con il primo dei capitoli, Aspettando Nil, la compagnia esordisce nel 2005 e vince premi come le Voci dell’Anima, il PlayFestival e l’Underground Festival New York.

A scena aperta due donne attendono e si preparano, piene d’aspettative, per l’arrivo di un uomo. Aspettando Nil racconta con sottile sarcasmo quel momento presente nelle vite di molte donne in cui una madre prepara la figlia all’incontro con un potenziale sposo; il linguaggio usato converte l’iniziale risata in una lacrima disingannata che evidenza la contraddizione del tempo dell’attesa.

A seguito di una breve pausa prende luce un’immagine fissa: tre sedioline, tre attaccapanni, tre cartelle di scuola e tre linee. Questa la scenografia di Quando saremo GRANDI! all’interno della quale tre bambini invecchiati continuano ad aspettare la madre con quell’ingenuità infantile di chi non conosce il significato dell’abbandono.

E con questo disilluso senso d’attesa, si passa ad Hansel e Gretel. Il giorno dopo; Hansel ormai uomo, Gretel ormai donna, ed entrambi talmente grassi da non star più dentro i loro abiti da bambini. Il marzapane l’hanno divorato, al loro fianco la strega avvizzita desidera che pongano fine ai suoi giorni, ma è lei, con la sua vita, che procrastina la fine alla storia prefissata con l’arrivo di quel padre che i figli immaginano/desiderano alla loro perpetua ricerca.

Per maggiori informazioni: Teatro Vascello

Lo spettacolo andrà in scena dal 27 Gennaio al 1 Febbraio al Teatro Vascello di Roma.

Regia Fabiana Iacozzilli | Compagnia Lafabbrica | Aspettando Nil – con: Elisa Bongiovanni e Giada Parlanti | aiuto regia: Marco Canuto, Irene Veri |
 costumi: Valeria Bistoni | Quando saremo GRANDI! – con: Simone Barraco, Matteo Latino, Ramona Nardò e Francesco Zecca (che sostituisce Matteo Latino) | regista assistente: Giada Parlanti | assistente: Emanuela Lumare | costumi: Cecilia Blixt | 
trucco: Erika Turella | Hansel e Gretel. Il giorno dopo – drammaturgia scenica a cura di Francisco Espejo | con: Elisa Bongiovanni, Marta Meneghetti e Giada Parlanti | scene: Matteo Zenardi | costumi: Gianmaria Sposito | effetti speciali: Riccardo Morucci | luci: Davood Kheradmand | assistente luci: Fabrizio Cicero |
 vocal coach: Valeria Benedetti Michelangeli | regista assistente: Ramona Nardò |
assistente alla regia: Andrea Standardi

More texts of “Giulia Iacolutti”More photos of “Giulia Iacolutti”

About Giulia Iacolutti

Nasce a Cattolica nel 1985. Dottoressa in Economia e Gestione delle Arti e delle Attività Culturali, studia fotogiornalismo a New York; a Milano consegue il diploma in fotografia di scena e video design presso l’Accademia del Teatro alla Scala. Collabora con artisti di varie discipline tra cui Virgilio Sieni, Moni Ovadia, Ismael Ivo, Michele Cafaggi, Riccardo Vannuccini, Mivos Quartet e Pino Roveredo. E’ fotografa ufficiale del Piccolo Festival FVG, Bianco e Nero Festival di Udine, Festival dei Saraceni di Pamparato e del Festival Tones on the Stones di Verbania. Dal 2013 lavora come video maker per l’Accademia del Teatro alla Scala e per il gruppo Calzedonia S.p.A. Nel 2011 vince il primo premio come miglior fotografia della 54^ Esposizione d’Arte Internazionale, La Biennale di Venezia; nel 2013 ottiene il premio “Magic Call for artist Video” con il documentario Udine / chi viene / chi va. Negli ultimi anni partecipa, tra personali e collettive, a più di una decina di esposizioni nazionali e internazionali, le più recenti: PhotoVogue a cura di Alessia Glaviano, Photolux Lucca; “Confronti” a cura di Antonio Giusa, Villa Manin di Passariano, Udine; “Territori Attuali” a cura di Alessandro Ruzzier, Rassegna d’arte contemporanea Palinsesti di San Vito al Tagliamento; “Design Photo Remix” a cura di Roberto Mutti, Milano; “Retro/scena” installazione multimediale al Piccolo Teatro Strehler di Milano; “Ti va di guardare?” a cura di Paolo Toffolutti, galleria d’arte contemporanea Casa Cavazzini, Udine; “Indian Faces” presso il Tribeca Cinema e Asia Society di New York. Ideatrice di Camera Mignon, organizza corsi di fotografia per bambini dai 6 ai 10 anni e dagli 11 ai 14 a Milano, Udine e in Provincia di Cuneo.
UA-30266169-1 Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: