La Cenerentola

La Cenerentola

Il Teatro del Giglio di Lucca ha curato questo nuovo allestimento della Cenerentola rossiniana, portando in scena un omaggio all’artista, scenografo e illustratore Lele Luzzati, a dieci anni dalla sua scomparsa.

I costumi infatti sono quelli originali disegnati da Luzzati per una rappresentazione genovese del 1978 della Cenerentola; prima di ripresentarsi a noi oggi, sono stati restaurati con amorevole cura della Fondazione Cerratelli, figlia della stessa Sartoria Cerratelli che quasi 40 anni fa li ha realizzati insieme a Luzzati. Ma l’omaggio a Luzzati non si limita certo a questo.
Il regista Aldo Tarabella ha riunito attorno a questo progetto molti “amici di Lele”, come lui stesso li definisce, come lo scenografo Enrico Musenich che ha lavorato sull’intero progetto scenografico, mentre lo scenografo costruttore Elio Sanzogni omaggia lo stile luzzatiano nella realizzazione pittorica, oppure professionisti che parteciparano direttamente spettacolo del ’78, come Mario Audello che realizzò le parrucche e Santuzza Calì, allora assistente di Luzzati.
Grazie alla collaborazione di tutte queste figure si è arrivati a un risultato finale colorato, giocoso e squisitamente pittorico che richiama sì lo stile dell’artista Luzzati, ma vive benissimo in totale autonomia. E questo è senz’altro il modo vincente per omaggiare un grande artista.

Va inoltre sottolineato come questo stile sia particolarmente affine a un’opera come La Cenerentola di Rossini, un melodramma giocoso appunto. Cenerentola è una fiaba, ma è anche l’opera dei travestimenti: il principe si traveste da servo, mentre il servo prende il suo posto, il filosofo si traveste da mendicante e poi ovviamente c’è Cenerentola. E così vediamo come molti elementi scenici si “travestono” anch’essi, si adattano a questa tendenza al trasformismo della maggior parte dei personaggi dell’opera, come ad esempio un guardaroba che diventa una carrozza con tanto di ruote, o come l’intera scena che si trasfigura attraverso un fondale di tulle e per un momento sembra trasformarsi in un quadro.
Lo spettacolo è andato in scena l’8, il 10 e il 12 Febbraio 2017 al Teatro del Giglio di Lucca, e il 17 e il 19 Febbraio 2017 al Teatro Alighieri di Ravenna.

[una coproduzione Teatro del Giglio di Lucca, Teatro Alighieri di Ravenna, Fondazione Teatri di Piacenza con la collaborazione di Teatro Comunale “A. Rendano” di Cosenza, Ente Luglio Musicale Trapanese| Musica Gioachino Rossini | Libretto Jacopo Ferretti | Regia Aldo Tarabella | Direttore Erina Yashima | Personaggi e interpreti: Don Ramiro Pietro Adaini, Dandini Pablo Ruiz, Don Magnifico Marco Filippo Romano, Clorinda Giulia Perusi, Tisbe Isabel De Paoli, Cenerentola Teresa Iervolino, Alidoro Matteo D’Apolito | Costumi Lele Luzzati | Scenografia Enrico Musenich | Light Designer Marco Minghetti | Coreografie Monica Bocci | Orchestra Giovanile Luigi Cherubini | Coro Melodi Cantores | Maestro del coro Elena Sartori]

About Arianna Damato

Nata a Sarzana (La Spezia) nel 1990, frequenta l'Università, laureandosi in Pianificazione Urbanistica Territoriale ed Ambientale. Questo le ha fatto vivere gli intensi anni universitari a Genova, dove ha avuto occasione di vivere l'offerta teatrale genovese: il teatro la affascina e la attira a tal punto da farle crescere il desiderio di immortalare ogni spettacolo che la colpisce attraverso la fotografia. Dopo una prima esperienza alla Fondazione Studio Marangoni di Firenze, dove frequenta un corso breve di Fotografia di RItratto con Paolo Cagnacci, nel 2015 si trasferisce a Milano per iscriversi al corso di Fotografia di Scena all'Accademia del Teatro alla Scala. Si diploma a dicembre 2015 grazie ai preziosi insegnamenti di grandi professionisti come Luciano Romano, Roberto Mutti, Maurizio Buscarino, Corrado Crisciani, Luca Scarzella, Laura Ferrari, Andrea Angeli e Vinicio Bordin, solo per citarne alcuni. Questa intensa ed entusiasmante esperienza le apre nuove prospettive: sviluppa una sensibilità più matura, si appassiona a generi teatrali a lei prima sconosciuti, ha il suo primo approccio professionale al mondo della ripresa e montaggio video.
UA-30266169-1 Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: