HQ Program

HQ Program
Commenti disabilitati su HQ Program, 27/04/2015, by , in Kairós, Video

Una scena scarna, come se ci si trovasse all’interno di una fabbrica industriale. Le quinte sono aperte, il soffitto ed i muri visibili. Tutto è all’insegna di un grande minimalismo. Quasi inesistenti le luci. Oltre al pianoforte nudo e scoperchiato, unico altro elemento di scena sono lunghe funi rosse tese dal palco al soffitto.

Si apre così lo spettacolo HQ Program,  non un concerto, non un balletto, ma un trittico artistico capace di coinvolgere i sensi dello spettatore a 360 gradi nella prima assoluta al Teatro Olimpico di Roma per la stagione della Filarmonica Romana, in collaborazione con il Festival Internazionale della Danza di Roma.

Protagonista la pianista veneta Gloria Campaner insieme al balletto olandese Gotra Ballet di Maastricht. Le coreografie sono curate dal ballerino, coreografo e direttore artistico Joost Vrouenraets, che si è formato, tra gli altri, presso il prestigioso Béjart Ballet di Losanna. Le musiche suonate al pianoforte comprendono tra brani di autori contemporanei come Wolfgang Rihm, Márton Illés, Jorg Widmann.

HQ Program from Luca Condorelli on Vimeo.

La parte centrale dello spettacolo è dedicata alle Kinderszenen di Robert Schumann, compositore, quest’ultimo, a cui Gloria è molto legata, perchè ha segnato il suo debutto discografico per l’etichetta EMI. A queste pagine si è ispirato anche lo stesso Widmann per il suo Kinderlied.

Qui lo spazio sensoriale è dominato solo dalla musica: la pianista quasi non si vede e termina la sua esecuzione nel buio più totale.  I ballerini danzano sulla musica come in preda a spasmi, convulsioni dolorose, tormento esistenziale. È una ricerca profonda,  un viaggio all’interno del proprio io, un eroico tentativo di riscoprirsi.

Le valigie vengono usate in scena dai danzatori come fossero contenitori emozionali. Alla fine le funi rosse vengono recise da  grosse forbici: metafora di rapporti che finiscono? Di legami interrotti? Di solitudine perenne?

Un finale elettronico con il brano Tell me a story del giovane compositore romano Vittorio Montalti, in prima esecuzione, commissionato dalla Filarmonica Romana, unisce il pianoforte ad elementi di live elettronics e lascia ancora una volta il posto al buio, che accoglie alcuni versi di Mary Shelley prima di spegnersi nel silenzio della sala, interrotto solo dagli applausi.

Per maggiori informazioni: Gloria Campaner | Joost Vrouenraets

Lo spettacolo è andato in scena martedì 31 Marzo 2015 presso il Teatro Olimpico di Roma.
Interpreti: Gloria Campaner , Joost Vrouenraets , Maite Guerin

More texts of “Luca Condorelli”More photos of “Luca Condorelli”

About Luca Condorelli

Luca Condorelli in arte "LucaWario" nasce a Catania nell'Aprile del 1991.Il suo percorso artistico inizia già in giovane età entrando a far parte della scena artistica underground catanese . In quegli stessi anni frequenta l'Istituto d' Arte di Catania dove scopre l'interesse e la forte inclinazione per la fotografia. Concluso il percorso di studi con il conseguimento del diploma in grafica pubblicitaria e fotografia, nel Novembre del 2010 si trasferisce a Milano con l'intento di arricchire la sua formazione . Frequenta corsi di cinema e fotografia.Nell’anno formativo 2011/12 viene ammesso all' Accademia Teatro alla Scala di Milano al corso per fotografo di scena e al corso per operatore video “Digit-ars”. La giovane età e la capacità di sperimentare tecniche artistiche e fotografiche gli consentono di esprimere in modo originale la propria creatività e poliedricità nelle sue opere. condorelliluca@gmail.com | +39 3339149284
UA-30266169-1 Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: